Questo sito si avvale di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all’utilizzo del sito stesso. Cliccando sul bottone accetto si acconsente al loro utilizzo in conformità alla nostra Cookie Policy.

Permeabilità Intestinale

Alimentazione 2018La sindrome della permeabilità intestinale è oggetto di numerose attenzioni, così come tutto ciò che ruota attorno al complicatissimo mondo intestinale.

A causa di questa sindrome, associata a diverse patologie, soprattutto autoimmuni, l’intestino non riesce ad opporsi adeguatamente all’ingresso di tossine ed elementi patogeni in genere; la mucosa intestinale diviene, dunque, permeabile, lasciando passare all’interno dell’organismo tali sostanze. Ciò scatena una forte reazione immunitaria, in quanto l’organismo si vede costretto a combattere le tossine penetrate direttamente nel sangue, senza alcun filtro da parte dell’intestino.

A questa sindrome sono affiancate diverse patologie e sintomi, quali emicrania, stanchezza, dermatiti, problemi intestinali, fino ad arrivare a patologie importanti come la celiachia, la sclerosi multipla e le malattie della tiroide (ad es. la sindrome di Hashimoto).

L’intestino svolge una funzione importante, una sorta di barriera, che si occupa in via generale di discriminare tutto ciò che è utile all’organismo e che può entrare nel circolo sanguigno, da tutto quello che invece deve restarne fuori e deve essere espulso.

Questa sua funzione viene svolta attraverso diversi strumenti, prima fra tutti la MUCOSA INTESTINALE, composta da numerosi villi, a forma di piccole dita, che hanno lo scopo di aumentare la superficie assorbente. I villi sono poi formati da piccole estroflessioni detti microvilli e sono fra loro saldati affinchè si possa sigillare lo spazio, in modo che non si incorra proprio nella sindrome dell’intestino permeabile.

Altro strumento dell’intestino è il SISTEMA IMMUNITARIO, oltre agli ANTIBIOTICI NATURALI, che hanno la funzione di impedire il proliferare di innumerevoli forme batteriche.

Anche il MUCO intestinale svolge una funzione di filtro, imprigionando e favorendo l’espulsione di numerosi elementi patogeni.

In ultimo la FLORA INTESTINALE, che combatte numerosi batteri, funghi e vari elementi patogeni in genere.

Le cause scatenanti della sindrome dell’intestino permeabile sembrano essere, con ogni probabilità, abusi alimentari, come eccessi di zuccheri, cereali raffinati, inquinanti alimentari e tossine, terapie farmacologiche importanti, abuso di lassativi, disbiosi e infiammazioni del tenue.

Il trattamento efficace da porre in essere per curare la sindrome dell’intestino permeabile può essere costituito da un ricondizionamento alimentare e dall’utilizzo di eventuali integratori, oltre che dall’eliminazione di zuccheri semplici e cereali raffinati in genere, soprattutto contenenti glutine, di alimenti irritanti, come spezie, alcolici e cibi sottoposti a determinate e lunghe cotture come grigliatura e frittura, di legumi e di latte e proteine del latte in genere.

Viene, invece, suggerito il consumo di kefyr, yogurt e frutti oleosi in genere, con un occhio particolare al consumo delle fibre, da valutare personalmente per quanto concerne la qualità e quantità. Come integratore alimentare si è rivelato efficace la glutammina, perchè migliora la funzionalità della barriera intestinale e quella immunitaria; importanti anche gli integratori di collagene e le sostanze che lo promuovono, come la Vitamina C e l’estratto di Centella.

Per quanto riguarda i probiotici, va considerato il rischio che questi possano passare direttamente nel circolo sanguigno, causando la permeabilità intestinale ed innescando, dunque, un circolo vizioso.