Questo sito si avvale di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all’utilizzo del sito stesso. Cliccando sul bottone accetto si acconsente al loro utilizzo in conformità alla nostra Cookie Policy.

La Spada, simbolo di Discernimento e di Amore

A cura di: Eugenio D. Sepe, Eulalia A. Onorati e Maria Pia Nicole Rubino

Associazione Dhyana Onlus Spada discernimento Amore SE Dic 2018


1. La Spada: un simbolo antico

Storicamente, le spade comparvero in Eurasia durante l’età del bronzo come evoluzione del pugnale e si basarono sull’introduzione del metallo ed in particolare del rame, nella costruzione dei pugnali prima realizzati in osso o pietra.

La spada è uno strumento di offesa e difesa, il cui utilizzo necessita un’adeguata formazione; da qui l’origine, nelle varie parti del mondo, della scherma, chiamata anche “arte della spada”.

La spada, è un simbolo antico e presente in molte religioni e tradizioni di ogni epoca e parte del mondo ed è presente in tanti miti e leggende, nelle diverse culture.

Nella Bibbia, compaiono molti riferimenti alla spada come simbolo della giustizia divina. Viene scritto: “La spada dello spirito è la parola di Dio” (Bibbia E.F.: 16-17). Con la Spada gli Angeli Cherubini cacciano Adamo ed Eva dal Paradiso Terrestre.

La spada sacra giapponese deriva dal lampo ed è estratta dalla coda del drago.

In Cina, le spade che cadono in acqua si trasformano in draghi lucenti e la spada che viene conficcata nella terra, origina le fonti d’acqua.

La spada è la folgore di Indra nella religione induista; Indra è il Signore della Folgore e del Temporale ed è la più grande divinità Deva.

La spada fiammeggiante di Vishnu (divinità maschile vedica, figura divina protettrice del mondo e del Dharma) è simbolo di Conoscenza pura ed eliminazione dell’ignoranza.

In Alchimia, la Spada è equiparata al crogiolo dell’alchimista, ovvero il recipiente usato per fondere i matalli, che in senso figurato rappresenta il luogo in cui avvengono le trasformazioni.

Nell’evoluzione storica, i cavalieri dell’Ordine Templare utilizzarono la spada come un frammento della Croce luminosa; per essi, era consacrata al Cristo ed al Servizio Divino.

Nella Tradizione Cavalleresca occidentale, la Spada è l’arma nobile che contraddistingue il Cavaliere e l’Eroe. Il segno della predestinazione per l’Eroe è proprio nel trovare una potente Spada nei meandri di una grotta, o nell’estrarla dalla roccia, come nel caso di Artù con Excalibur.

Nel Rituale Iniziatico Massonico, la Spada viene anche impugnata da parte dei difensori della Loggia, contro il Profano che entra bendato nel Tempio: essa simboleggia la difesa del Centro Iniziatico (Loggia) contro la progressiva corruzione che il mondo moderno (rappresentato dal Profano) esercita nei confronti della Tradizione, la materia nei confronti dello Spirito.

2. La Spada, simbolo di Discernimento e di Amore

Ciascuna parte della spada può essere ricondotta ad un preciso simbolismo:

• Lama: è creata con il Fuoco e con l’unità, unendo e forgiando il metallo; ci ricorda la Forza e la Volontà, collegate al Fuoco, con cui nella vita discriminiamo e scegliamo

• Elsa: forma una Croce, che richiama alla direzione evolutiva e ricorda l’Universo

• Punta: serve a scacciare ed a ripudiare; ci ricorda la possibilità di scegliere ogni giorno, e di orientarci verso scelte evolutive e luminose

• Specchio della lama: la lama, messa di piatto è come uno specchio, che ricorda che nell’altro vediamo noi stessi e viceversa, richiamandoci al concetto della Specularità

• Codolo, ovvero il peso che controbilancia la lama: ci ricorda il nostro karma, che ci richiama alla Saggezza della nostra esperienza

• Impugnatura: la stringiamo con una, o due mani (all’interno delle quali passano i Meridiani del Cuore); ci ricorda che i movimenti della Spada derivano dal Cuore, consacrato all’Innocuità

La spada è un simbolo di sintesi, in quanto è formata dall’unione della lama (che richiama al Principio maschile), con l’elsa (che richiama al Principio femminile), ma è anche simbolo di Giustizia, in quanto richiama alla Saggezza del giusto Discernimento.

“Così nel bel mezzo dell’infuriare del fuoco si scorge una spada levata, sulla fronte del guerriero spirituale” (Morya, Cuore, 157).