Questo sito si avvale di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all’utilizzo del sito stesso. Cliccando sul bottone accetto si acconsente al loro utilizzo in conformità alla nostra Cookie Policy.

Il Fuoco

A cura di: Eugenio D. Sepe, Eulalia A. Onorati, Francesca Pecci, Fortunata Folino e Maria Pia Nicole Rubino *

La cosa più bella che possa capitare a un essere umano, è di scoprire il fuoco sacro, il fuoco della sua anima e di fare in modo che la vita intera sia l’espressione di questa anima" (Annie Marquier).

La parola Fuoco deriva dal greco phog/phag (splendo) e da phaos (luce); in sanscrito, da bha (splendere). Il Fuoco è l’effetto di una combustione, con la presenza di un bagliore brillante (la fiamma), che rilascia calore e gas. Il Fuoco è presente nel nucleo centrale di ogni organismo animato ed è per questo che possiamo ritenerlo l’inizio e la fine di ogni cosa, un punto centrale di Luce Splendente, alla base della Creatività, della Visione e della Guarigione.

Procedendo nel cammino anche l’uomo, grazie al potere del suo Fuoco interno ed alla Volontà di evolvere ed in ascolto della sua Coscienza, “brucia” progressivamente tutti gli aspetti meno armonici della sua personalità e le vecchie forme, lasciando che si esauriscano e che al loro posto nasca una maggiore Armonia ed Integrità.

In questo senso, il Mito di Prometeo che rubò il Fuoco agli dei per donarlo agli uomini, ci ricorda simbolicamente la necessità di trasformare gli automatismi emotivi e le illusioni grazie al Fuoco della Volontà, imparando a Discriminare, ovvero a portare Luce negli aspetti meno luminosi della nostra vita e dei nostri Rapporti, per uscire dalle prigioni, spesso inconsapevoli, in cui ci troviamo.

Per esempio, a volte, a necessitare di questo Fuoco, che brucia le sbarre delle prigioni invisibili che ci intrappolano, sono proprio i legami a cui siamo più abituati, quelli più “stretti”. I terapeuti familiari, a partire dagli anni ’70 (v. Boszormenyi-Nagy con il suo studio dei legami di lealtà all’interno delle famiglie), hanno già posto in evidenza come esistono dei copioni familiari, che con dei codici inespressi e inconsapevoli guidano i contributi dei singoli componenti di una famiglia determinando obblighi, vantaggi, responsabilità, e, così facendo, mantenendo lo status quo della famiglia.

Si costruiscono così i Miti Familiari: una griglia di lettura della realtà, in parte ereditata dalle generazioni passate, in parte creata nella generazione attuale, che assegna a ciascun membro della famiglia un ruolo e un destino specifici, favorendo l’aderenza e limitando la Libertà di autodeterminarsi.

In questo senso, il Coraggio e la Volontà di evolvere, guidati dalla Fiamma ardente del Cuore, rappresentano ciò che è in grado di rompere le sbarre dei legami di lealtà, come una potente fiamma ossidrica, che apre a nuove modalità di Rapporto.

Il Fuoco scioglie con estrema gradualità ogni tipo di attaccamento, a partire da quelli più grossolani e ci sostiene mentre impariamo a ripudiare, ascoltando il Cuore, tutto quello che limita la nostra Evoluzione all’Aspirazione verso il Bene, verso un senso di Lealtà più ampio, che guarda al Fuoco della Coscienza e non alla paura della perdita degli affetti e dei piccoli vantaggi.

Lo studio di come alimentare il Fuoco nei rapporti, dunque, costituisce uno dei cardini dello studio dei Buoni e Giusti Rapporti, Valore fondamentale per l’Umanità del Futuro.