Questo sito si avvale di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all’utilizzo del sito stesso. Cliccando sul bottone accetto si acconsente al loro utilizzo in conformità alla nostra Cookie Policy.

Meditazione del Solstizio Invernale – Dicembre 2018

L’Amore del Cristo

“Egli disse (e le Sue parole furono male interpretate): “Non sono venuto a portare la pace, ma la spada” (Matt. X, 34). Questo sarà particolarmente vero nei primi tempi del Suo ritorno. Ma la spada che impugnerà è quella dello Spirito, la spada che separa la vera spiritualità dal materialismo. Il principale effetto del Suo ritorno sarà certamente la dimostrazione in tutto il mondo degli effetti dello spirito d’inclusività. Tutti coloro che desiderano giusti rapporti umani si raccoglieranno spontaneamente attorno a Lui, che appartengano o meno a una delle grandi religioni; chi non scorge una vera o fondamentale diversità fra religione e religione, fra uomo e uomo, fra nazione e nazione, si unirà attorno al Cristo; allo stesso modo chi incarna l’esclusione e la separazione si paleserà automaticamente e sarà conosciuto per tale. La spada discriminatrice dello spirito apporterà, senza ferire, la rivelazione e indicherà il primo passo necessario verso la rigenerazione umana” (A. Bailey, Il ritorno del Cristo, p.111).

L’Amore che il Cristo venne ad insegnarci ha una Qualità collegata al Fuoco, ed è simbolicamente rappresentato dalla Spada. Esso è l’Amore basato sui Giusti Rapporti. L’effetto che produrrà sarà quello di stimolare i semi della Buona Volontà e dell’inclusività, e porterà gli uomini a riunirsi in Gruppi, e a creare Reti, accendendo i Cuori in ognuno.

Aprirà il canale della Discriminazione negli uomini e la capacità di riconoscere i germi più scuri, dentro di sé e negli altri, e di portarli alla Luce, per ripudiarli.

Il momento del Solstizio Invernale ci ricorda tutto questo e la necessità che la Luce penetri profondamente nella materia, per poterla illuminare e redimere.

Il Solstizio d’Inverno rappresenta, infatti, il momento più alto nel Ciclo annuale, che corrisponde al Nord e al punto verso cui è diretto il cammino ascendente del Sole; nello stesso tempo, rappresenta anche un momento importante, in cui possiamo immettere il seme nell’oscurità della Terra. Evidenzia un passaggio in cui, contemporaneamente, si sale verso l’Alto e si discende nella profondità della materia.

La Redenzione avviene, di vita in vita, man mano che i nostri Cuori divengono più sensibili e aperti alla vibrazione della Scintilla Luminosa, che risiede al loro interno, grazie alla trasmutazione progressiva e coraggiosa delle zone più buie della personalità.

Noi, come Aspiranti e Ricercatori, siamo sul Cammino per imparare ad amare, come ci insegnò il Cristo. Impugniamo la Spada della Discriminazione Cristica, ogni volta che, con Coraggio, siamo disposti a sacrificare la materia di cui siamo composti, e a vivere il dolore che questo graduale processo alchemico richiede. Sapendo che l’unica via reale, oltre i veli dell’irreale, è quella in cui ci identifichiamo come Esseri Spirituali provenienti da un unico grande Centro di Amore e che ad esso siamo destinati a tornare.

La Nascita che si manifesta durante il Solstizio Invernale è, dunque, quella della Fiamma che si accende nel Cuore, quando il Padre Spirito feconda la Madre materia. Essi possono incontrarsi quando la disponibilità a sacrificare la materia, di cui sono composti i nostri Corpi, produce degli spazi di Vuoto. È lì che lo Spirito può discendere e generare Figli di Luce e Amore.

Oggi, nel Rituale di immissione del seme, che andremo a compiere, simbolicamente, immetteremo nella terra, Materia Vergine, la Volontà Spirito, di far nascere nuovi germogli di Luce nella nostra vita e nel nostro Servizio, per divenire dei Guerrieri di Luce sempre più affidabili, per imparare ad impugnare con sempre maggiore Coraggio la Spada ed a sostenere, con i nostri mezzi, l’evoluzione degli uomini e la manifestazione del Piano Divino.

La Spada Fiammeggiante

Sono là, sui Tuoi passi.

Ti vedo solcare la sabbia nella Luce che discrimina.

Sento le Tue parole risuonare nella brezza della sera,

Come un sospiro che infiamma il Cuore.

“Non sono venuto a portare la Pace, ma la Spada”,

Sigillano le tue labbra.

Il Cuore, nel Silenzio accoglie l’appello,

Le legioni affilano le spade:

Separano lo Spirito dalla materia.

Si ergono le tre Croci del Sacro Monte,

Nell’Infinito Moto di Inclusività.

Sorge un nuovo giorno,

La Spada dello Spirito

Fiammeggia nella tua rivelazione

Mostrando i sacri passi verso la rigenerazione umana.