Questo sito si avvale di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all’utilizzo del sito stesso. Cliccando sul bottone accetto si acconsente al loro utilizzo in conformità alla nostra Cookie Policy.

Nuova esperienza: Camminata urbana

MiCa 2018

Da quest’anno abbiamo cominciato a realizzare un’uscita di Meditazione in Cammino, introducendo una novità riguardante il percorso.

Questo non è stato di montagna, ma si è voluto privilegiare il territorio di Roma, unito alla sua storia: la camminata è stata realizzata infatti sull’Appia Antica.

La Via Appia Antica è uno dei parchi archeologici più importanti e belli di Roma; un percorso semplice, realizzato dal Mausoleo di Cecilia Metella fino alla villa di Fiorano, nei pressi di Fioranello, vicino l’Aeroporto di Ciampino.

C’è stata la collaborazione fra due processi dell’Associazione: Meditazione in Cammino e Storia.

Nel pensare l’esperienza, sono stati individuati degli obbiettivi altri, da aggiungere a quelli consolidati dell’uscita di Meditazione in Cammino: infatti, oltre all’offrire ai partecipanti uno spazio di ascolto e meditazione, di ripulitura e riarmonizzazione e di fusione con la Natura, si è aggiunto lo stimolare l’acquisizione di nuove conoscenze legate alla Storia.

E’ stata portata, oltre all’esposizione storica delle bellezze del luogo, la condivisione di informazioni che potessero avere un significato più esoterico. Abbiamo, infatti, scoperto come quella zona, 230.000 anni fa, fu ricoperta di lava dall'eruzione del vulcano dei Colli Albani (elemento Fuoco). Questa colata ha generato una spianata sulla quale, tanti anni dopo, i romani hanno costruito la strada di comunicazione con il mondo Orientale, favorendo non solo il migliore spostamento degli eserciti, ma anche un ricco scambio culturale e commerciale che avrebbe cambiato, nei secoli a venire, profondamente la società romana. La strada stessa fu costruita con materiale lavico.

E’ stato poi ritrovato anche un elemento connesso all’acqua perché l’area ospita due importanti fonti di acqua potabili, che sono “Acqua Egeria” e “Acqua Appia”.

Tutte queste considerazioni sono state condivise nella parte iniziale dell’esperienza, offerte al Gruppo al fine di stimolare la riflessione e di accompagnare su queste note, Fuoco, Acqua, Fusione, lungo tutto il camminamento.

Da rilevare che il tratto iniziale del percorso è stato svolto in silenzio ed è spiegato il senso di quanto è stato proposto. All’arrivo ad un punto intermedio e prestabilito, è stata fatta Meditazione di ascolto dell'energia della zona. Il luogo è stato scelto tenendo conto del suo aspetto storico ed archeologico. Si trattava dell’area della villa dei Quintili, un’area ampia e molto verde, che apre ad una sensazione di spazio colorato estremamente bucolico. E' stato un momento particolarmente elevato dell'esperienza, che ha favorito l'ascolto intimo del Fuoco del posto ed una sensazione di Fusione tra passato, presente e futuro.

E’ stato individuato un luogo a metà precorso nel quale fare la Meditazione e condividere dopo il pranzo.

La chiusura dell’esperienza si è realizzata all’interno di un giardino dominato dai resti di una Domus Romana, dove probabilmente c’erano delle terme. L’energia del posto ha sostenuto l’armonia nella chiusura dell’esperienza, visto il luogo riservato, e in cui si è sentito che la dimensione spazio-temporale quasi si trasformava.