Questo sito si avvale di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all’utilizzo del sito stesso. Cliccando sul bottone accetto si acconsente al loro utilizzo in conformità alla nostra Cookie Policy.

L’Identità: una ricerca Spirituale

A cura di: Eugenio D. Sepe, Eulalia A. Onorati, Francesca Pecci, Fortunata Folino e Maria Pia Nicole Rubino *

Premessa

La parola “Identità” deriva dal latino idem, ovvero “stesso, medesimo”, ma è anche vicina alla parola “Identificare” che proviene sempre dal latino idem fieri, ovvero “divenire il medesimo, divenire una cosa sola”.
Ciò ci indica come la vera Identità preveda la possibilità di essere ad immagine e somiglianza dell’Assoluto, con il quale ci Identifichiamo, attraverso un lungo processo di Conoscenza e Visione.
L’Identità per la personalità è un processo opposto a quello dell’Identità per la Coscienza.
Per la personalità, l’aspetto formale di noi stessi, il processo di Identità equivale ad un’identificazione automatica con il corpo fisico e con le emozioni, entrambi orientati dalle mode del momento.
Per la Coscienza, l’Essenza che ci costituisce, il processo di Identità si realizza, invece, attraverso una tripla conquista:

1. La scoperta dei talenti, da utilizzare per l’individuazione della propria Funzione
2. La ricerca di rapporti evolutivi, attraverso i quali imparare a ripudiare le identificazioni e gli attaccamenti della personalità
3. L’Identificazione progressiva e consapevole con la dimensione dell’Amore Universale

L’Evoluzione dell’Identità, attraverso l’individuazione e l’appartenenza

Appartenenza e Individuazione sono due processi fondamentali e complementari: il loro rapporto, più o meno equilibrato, è alla base dell’armonia, o delle disarmonie, di ogni essere umano.
Noi necessitiamo di appartenere ad un sistema: la famiglia carnale, la cultura ed i Valori di riferimento, la professione, la Famiglia Spirituale. Allo stesso tempo, abbiamo necessità di individuarci: nel sesso, nel carattere, nel percorso scolastico, nell’autonomia nelle scelte, nel nostro lavoro, nella Funzione di Servizio.

Una buona Appartenenza sostiene una buona Individuazione e viceversa: un bambino che vive una buona simbiosi e ne esce con fluidità, si sentirà sicuro di sé e sereno nel compiere scelte ed appartenere ai diversi sistemi.
Il rapporto tra Appartenenza ed Individuazione deve essere sempre bilanciato:

1. Una scarsa Appartenenza porta ad insicurezza profonda
2. Una eccessiva Appartenenza può portare a delle difficoltà a crescere
3. Una scarsa Individuazione può portare a debolezza e dipendenza
4. Una eccessiva Individuazione può portare a solitudine ed auto-centratura

Laddove c’è uno squilibrio tra Appartenenza ed Individuazione, è impossibile realizzare una Funzione di Servizio matura, efficace ed affidabile.

In generale, le esperienze dei primi anni di vita di un bambino rappresentano l’equipaggiamento di base per affrontare nel migliore dei modi il suo percorso di vita, esprimendo le seguenti Qualità:

1. Visione positiva e fiduciosa della Vita
2. Coerenza tra emozioni e pensieri
3. Autenticità, intesa come Libertà di dire ciò che si pensa
4. Trasparenza, intesa come capacità di non nascondere, ma di modulare ed armonizzare per arrivare alla:
5. Verità, portata con Saggezza e delicatezza.

Conclusioni

L’evoluzione della nostra Identità segue dunque un Percorso: il nostro primo obiettivo è portare a compimento la personalità, giungendo ad una piena consapevolezza del Sé in noi dimorante; poi dobbiamo imparare ad utilizzarla ed infine, a Sacrificarla per il Bene Comune.

Il passaggio dall’Individuazione, all’Identificazione con il Tutto è lungo e faticoso ed è realizzato grazie all’educazione alla vita di Gruppo e all’Appartenenza ad un Gruppo.

L’Appartenenza graduale ad un Gruppo permette di imparare, passo passo, ad identificarsi con un Bene maggiore del proprio e di sperimentare la disidentificazione da sé. Ogni singolo componente deve imparare a lavorare in stretta collaborazione mentale e spirituale con tutti gli altri, subordinando le idee e il progresso personali alle esigenze di gruppo.

In questo modo, ogni singolo Gruppo potrà dare il proprio contributo all’elevazione globale del Genere Umano.

 Luglio 2016

* Psicoterapeuti e Psicologi dell’Associazione Dhyana, Lazio e Lombardia